mardi 30 novembre 2021

Perché vado in Turchia (D.Andrea Santoro)

Perché vado in Turchia

    «Andando io vorrei (se Dio lo vorrà), attingere e consegnare anche a voi un po’ di quella luce antica e darle nello stesso tempo un po’ di ossigeno perché brilli di più. Sento questo invio, che affronto a nome della chiesa di Roma, come uno scambio: noi abbiamo bisogno di quella radice originaria della fede se non vogliamo morire di benessere, di materialismo, di un progresso vuoto e illusorio; loro hanno bisogno di noi e di questa nostra chiesa di Roma per ritrovare slancio, coraggio, rinnovamento, apertura universale» (D.Andrea Santoro, Lettere dalla Turchia, Roma fine maggio 2000).


«Tutto il Medio Oriente ha bisogno di luci di amore, di presenze di preghiera, di pazienti e tenaci costruttori di dialogo, di testimoni umili e perseveranti, di vite seminate come granelli di sale» (D.Andrea Santoro, Lettere dalla Turchia, Roma 7 settembre 2001).


 

dimanche 7 novembre 2021

Türk tarihini aydınlatacak belgeler Vatikan’da

Tarihçi Dr. Rinaldo Marmara 25 yıldır Vatikan arşivlerinde Türk tarihine ışık tutacak belgeler üzerine çalışmalarını sürdürüyor. Türkiye-Vatikan [Papalık] Diplomatik İlişkilere Doğru adlı kitabını okurla buluşturan Marmara, geçen seneden itibaren Papa XII. Pius dönemini (1939-1958) kapsayan belgelerin de araştırmacıların hizmetine sunulduğuna dikkat çekiyor.


_ . _




jeudi 4 novembre 2021

Le relazioni diplomatiche Turchia – Santa Sede (preparativi)

Per gli storici di Turchia, risalire alle tappe delle relazioni con la Santa Sede può essere difficile. Non ci sono documenti in turco, e i documenti di archivio in Segreteria di Stato sono tutti in italiano, o in francese. Ma c’è un lavoro, recentemente pubblicato, che punta proprio a colmare questo divario. Si chiama “Santa Sede – Turchia. Periodo di Mons. Rotta 1925 – 1930. Verso le relazioni diplomatiche del 1960”. Si tratta del primo catalogo in turco (titolo originale: “Türkiye ile Vatikan Diplomatik İlişkilere Doğru”) in cui i documenti in lingua originale vengono trascritti, aprendo la strada ai ricercatori turchi per meglio comprendere le tappe delle relazioni tra Santa Sede e Turchia.